La casa è un diritto inalienabile

Chiunque nasca ha diritto al cibo e ad un tetto. Nello stato di natura ogni individuo ha diritto a procurarsi il cibo ed ricovero. Il pianeta non e' degli Stati ma degli esseri umani: ognuno dei quali ne ha diritto ad un pezzo sufficiente a nutrirlo e abitarlo. Prima che gli Stati occupassero il pianeta restava la possibilita' di spostarsi da un luogo, dove un potente impediva di vivere, ad un altro. Oggi gli Stati hanno sottratto alle famiglie il diritto di nutrirsi e vivere sotto un tetto, in autonomia. Quindi devono garantire a tutti cibo e casa. (leggi >)

Contro lo sport agonistico (vedi >)

Cittadinanza negoziale

La cultura laica e liberale moderna ci ha autorizzato a pensare che ogni condizione storica, genetica, socio-economica, sessuale, religiosa non deve condizionare la vita a noi o ai nostri figli. L'eredità insomma non deve essere un peso. Tutte le condizioni di partenza, per faticose o sgradite che siano, non possono non essere cambiate. I figli dei nemici di ieri non sono ostracizzabili; chi nasce con un certo sesso può cambiarlo; chi porta una disabilità alla nascita (o posteriore) non può essere condannato ad una vita di segregazione; chi proviene da una famiglia appartenente ad una religione può convertirsi senza dover subire discriminazioni. Chi nasce povero, deve avere le stesse possibilità degli altri di ascendere la scala sociale. (leggi >)

già segnalati
Campioni

Colori che volano (vedi >)
Colori che nuotano (vedi >)

I giganti della politica degli Anni Sessanta (leggi >)

John Fitzgerald Kennedy
Presidente degli Stati Uniti dal 20 gennaio 1961 al 22 novembre 1963

Giovanni Roncalli
Papa Giovanni XXIII dal 28 ottobre 1958 al 3 giugno 1963

Nikita Kruscev
Fu Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista dell'Unione Sovietica (PCUS) dal 1953 al 1964

Ernesto Guevara detto Che
Il simbolo della rivoluzione cubana dal 2 gennaio 1959 al 9 ottobre 1967

già segnalati
Hippy Timeline