Inquisizione, Gestapo e KGB vivono! by Guy Fawkes

Se guardate i programmi “Airport security” potete constatare che Inquisizione, Gestapo e KGB sono ancora vive e vegete. Stanno alle dogane aeroportuali di Paesi “democraticissimi” come il Canada, l’Australia e la Nuova Zelanda. Non si limitano ad applicare leggi che peraltro sono spesso assurde, con la scusante (già usata dai torturatori) di fare il loro lavoro. Non i limitano a fermare droga e armi, come sarebbe giusto.
Leggono i messaggi del tuo telefonino, ti chiedono se scopi o no con qualcuno, ti chiedono di dettagliare il percorso che farai nel Paese (più o meno come nei regimi ex comunisti), in che albergo hai prenotato, perchè hai comprato il biglietto aereo solo due giorni prima, perchè con te non c’è tua moglie. Se 20 anni fa hai fatto due anni di galera, non puoi entrare. Se sei stato incriminato, ma non condannato 3 anni fa, non puoi entrare. Se, forse, potresti lavorare, non puoi entrare. Dove lavorare significa anche suonare in una band, riparare il fienile della suocera, farti mantenere in cambio di sesso. La cosa che è considerata più grave non è il tentativo di importazione di 20 chili di coca, ma la menzogna. Se dici una balla e ti scoprono, arriva un atteggiamento punitivo del tipo ti mandiamo al rogo, ad Auschwitz, o in Siberia.

This entry was posted in Estero and tagged . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *