Elogio della libertà by Valentina

“Puoi drogarti e giocare d’azzardo in pubblico, ma non fumare o fare sesso in pubblico. Non puoi mostrare il tuo corpo nudo in pubblico (nè sui media). Non puoi buttare i rifiuti, se non seguendo regole demenziali. L’educazione dei figli non è più delle famiglie, ma dei servizi sociali, dei mass-media e della scuola. Puoi tenere il volto coperto, ma solo per motivi sanitari e non per tua scelta. Puoi coprire la testa con un foulard, ma solo se è la moda del momento a permetterlo. Puoi studiare fino alla laurea, ma solo se paghi. Puoi informarti, ma solo se paghi un canone, un pc, un provider. Puoi essere maturo e adulto, ma per essere chiamato donna o uomo devi avere superato i 40 anni. Non puoi essere chiamato vecchio, perchè la vecchiaia fa schifo al pensiero dominante”.
(Ivan Dobre, “No“, pag.40)

Postato in Costume, Media | Taggato | Commenta

Forze di pace? by Muad’Dib

Postato in Guerre | Taggato | Commenta

Vota Linda by Christine Collins

Postato in Estero | Taggato | Commenta

Il mito della privacy by William Wallace

“Secondo alcune stime, in Italia ci sono oltre 2.000.000 di telecamere sulle strade: 1 ogni 30 abitanti. A queste vanno aggiunte altrettante o più telecamere interne: nelle fabbriche, negli uffici, nei negozi, nei teatri e nelle palestre., oltre che nelle case. Ogni giorno, un cittadino che esce di casa, viene ripreso da almeno 100 telecamere”. (Ivan Dobre, “No“, pag.40)

Postato in Italia | Taggato | Commenta

La pubblicità: ultimo educatore by Christine Collins

“La pubblicità è nata per informare. Ma ha presto virato verso l’obiettivo di convincere, influenzare, manipolare. Nell’arco di una vita siamo bombardati da 2-3 milioni di messaggi pubblicitari. Cartelloni stradali, volantini, quotidiani e settimanali, radio e tv, siti Internet hanno almeno un terzo dello spazio e del tempo occupato dalla pubblicità. La pubblicità non si limita a dare informazioni su un prodotto: vuole insegnarci come vivere, amare, vestirci, viaggiare. La pubblicità influenza l’anima di miliardi di consumatori. I bisogni che crediamo nostri sono indotti dai pubblicitari”. (Ivan Dobre, “No“, pag.36)

Postato in citazioni, Italia, Media | Taggato | Commenta

Amianto by Valentina

Postato in Italia | Taggato | Commenta

Guerra alla guerra by Muad’Dib

“E’ scandaloso che a 30 anni dalla fine della guerra fredda ancora stia in piedi un organismo di guerra come la NATO, che non si capisce da chi dovrebbe difenderci. Come è scandaloso che le parate vedano sfilare l’esercito, invece della bellezza, a rappresentare una nazione che non è mai stata bellicosa. Ed altrettanto scandalosa è l’attuale moda militarista, che vede l’esercito come arma di pace e difensore della vita; i caduti come eroi invece che come vittime del lavoro (come se morire in fabbrica sia meno nobile che morire sparando); i militari non come mercenari in cerca di un salario, ma come missionari chiamati da una vocazione”.
(Ivan Dobre, “No“, pag.24)

Postato in Guerre | Taggato | Commenta

Cappellani militari?

Postato in Guerre, Italia | Taggato | Commenta

Militari by Guy Fawkes

Se vuoi che politici irresponsabili spendano meno, devi dare loro meno da spendere. (Irwin Shif)

Le idee non hanno bisogno di armi, se sono in grado di convincere le grandi masse. (Fidel Castro)

Parlare di intelligenza militare è una contraddizione in termini. (Groucho Marx)

Sui monumenti che ancora oggi ritraggono gli alti comandanti, bisognerebbe scrivere sotto: “criminale di guerra”. (Ermanno Olmi)

Postato in citazioni | Taggato | Commenta

Guerra alla guerra by Muad’Dib

“Quindi non sono credibili gli Stati che urlano il loro impegno nella lotta contro la droga per la vita, e insieme alimentano il mercato mondiale della morte con le armi. Come non sono credibili gli Stati che starnazzano contro le armi nucleari dell’Iran o della Corea del Nord, avendo gli arsenali pieni di bombe atomiche (pare che l’Italia ne tenga in deposito, per conto degli Usa, ben 90 in Lombardia e Veneto). Come non sono credibili coloro che piangono per gli stermini dei civili “per errore”, facendo finta di non sapere che è almeno dalla II guerra mondiale che i civili sono sempre le maggiori vittime della guerra”. (Ivan Dobre, “No“, pag.23)

Postato in Guerre | Taggato , | Commenta

La negazione del male by William Wallace

“Nessuno sembra prendere in considerazione il male come polo dell’ambivalenza umana, sulla scia del “buon selvaggio” di JJ.Rousseau. L’essere umano è buono alla radice, e se fa il male non è per sua scelta. Non è libero di scegliere, quindi non è responsabile. E siccome non è responsabile, deve essere affidato alle cure del potere sanitario, assistenziale, educativo, culturale e sottomesso al potere politico. Ciò che passa inosservato è che la negazione del male equivale alla negazione della libertà. Se l’uomo non può scegliere il male, non può scegliere nemmeno il bene, cioè non può scegliere”. (Ivan Dobre, “No“, pag.19)

Postato in citazioni | Taggato | Commenta

Legalità e giustizia by Christine Collins

“Se non è rispettata la giustizia, che cosa sono gli Stati se non delle grandi bande di ladri?”. (Sant’Agostino)

“Summum ius, summa iniuria: il diritto a tutti i costi diventa ingiuria”. (Cicerone)

“Non si esercita la virtù civile solo con lo slancio del cuore. Si esercita, ad esempio, nel «violare la legge di cui si ha coscienza che è cattiva e accettare la pena che essa prevede». I giovani che accettano la prigione conoscono quanto Socrate il valore della legalità”. (Lorenzo Milani)

“Se esistono diecimila norme si distrugge ogni rispetto per la legge”. (Winston Churchill)

“Legalità è la violenza delle minoranze dominanti contro le minoranze sottomesse, con la complicità della maggioranza”. (Ivan Dobre)

Postato in citazioni | Taggato , | Commenta

Democrazia totalitaria by Valentina

Libertà di espressione? Soppressa su tutti i mass media e sui Social.
Libertà di movimento? Condizionata dai passaporti e dalle tasse di ingresso.
Libertà di commercio? Limitata dai dazi.
Libertà di impresa? Negata da legislazione e burocrazia.

Postato in Italia | Taggato | Commenta

Via dal voto! by Valentina

Postato in Costume | Taggato | Commenta

Proibizionismo selettivo by Christine Collins

Sui masss media non si possono vedere fumatori, corpi nudi o minori intervistati, nè sentire scurrilità.
In compenso si possono vedere auto da 300 all’ora, quando la legge vieta di superare i 130; gente che beve alcol di continuo; armi di ogni tipo; sniffatori di coca; annunciatori che parlano continuamente in inglese; minori che cantano e ballano come soubrette.

Postato in Italia | Taggato | Commenta