La Repubblica dei "peti" by Valentina

La prima Repubblica era quella delle inaugurazioni e del taglio dei nastri. La seconda Repubblica è quella delle commemorazioni e delle giornate dedicate. Dalla “Giornata nazionale della Bandiera” (7 gennaio), alla “Giornata nazionale per la promozione della lettura” (24 marzo); dalla “Giornata nazionale del Sacrificio del lavoro italiano nel mondo (8 agosto), alla “Giornata dell’Onu” (24 ottobre). Tutto fa Brodo per i “peti” dei gerarchi in tv.

Postato in Uncategorized | Commenti disabilitati su La Repubblica dei "peti" by Valentina

Il regime della vergogna by William Wallace

La giornata di oggi segna uno dei punti più bassi della storia del regime, da anni supportato dalla maggiornza artificiale del PD.
Un ergastolano viene rilasciato dal Portogallo e sparisce, senza che il nostro Ministero degli Esteri emetta un suono (troppo concentrato sul caso Regeni).
Un violentatore pedofilo dopo vent’anni di processi viene rilasciato per scadenza dei termini (troppo scarse le risorse della magistratura).
Il capo dell’UNAR, dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio, si dimette dopo un servizio de LeJene. Hanno dimostrato che l’UNAR finanzia anche associazioni che si occupano di orge e prostituzione maschili. Chi aveva messo in quel posto Francesco Spano e perchè? Forse era lì all’insaputa della Presidenza del Consiglio e della “eversiva” minoranza del PD.

Postato in Uncategorized | Commenti disabilitati su Il regime della vergogna by William Wallace

Balle continue by Valentina

Renzi e i suoi tirapiedi continuano a dire che vogliono le elezioni. Hanno la maggioranza in Parlamento: basterebbe che dessero la sfiducia al governo.
Renzi e i suoi tirapiedi continuano a dire che vogliono subito una nuova legge elettorale. Con la maggioranza che hanno in Parlamento, hanno deciso di cambiare metà della Costituzione: basterebbe che votassero la legge che preferiscono.
Qualcosa mi dice che non voteremo nel 1917, nè nel 1918 e forse neanche nel 2019.

Postato in Uncategorized | Commenti disabilitati su Balle continue by Valentina

Buffonate europee by Guy Fawkes

Draghi parla alla UE. In che lingua? In inglese. Cioè nella lingua del Paese che sta uscendo dall’Unione, e del Paese il cui Presidente dice che l’Europa è una bufala.

Postato in Uncategorized | Commenti disabilitati su Buffonate europee by Guy Fawkes

Prepotenza USA by Muad’dib

Il matto che governa la Corea del Nord fa una “provocazione” lanciando un missile nel mar del Giappone. Come definiamo le basi USA a Okinawa?

Ancora oggi ci sono in Giappone all’incirca 90 strutture militari statunitensi, per un totale di 3.130.000 metri quadrati, il 75% dei quali soltanto ad Okinawa. Queste basi, fino ad oggi facilitate nella presenza dal grande sforzo economico della popolazione giapponese (2) (sono anche esenti da affitto) sono concentrate in poche aree precise: 37 ad Okinawa (coprono il 18% del suolo dell’isola), 15 a Kanagawa, 11 a Nagasaki, 7 a Tokyo. Su 52.000 soldati americani la metà stazionano a Okinawa. Questa ha avuto un ruolo fondamentale nella guerra di Corea, nella guerra del Vietnam, in quella del Golfo, nelle invasioni in Iraq e Afganistan; quindi rimane ancora oggi un fulcro del sistema di espansione mondiale degli Stati Uniti, dopo essere stata l’avamposto per la dottrina del containment nell’arco asiatico.(Fonte)

Postato in Uncategorized | Commenti disabilitati su Prepotenza USA by Muad’dib

Antagonismo idiota by William Wallace

L’Italia sta affogando e gli “antagonisti” a Bologna fanno casino contro i “tornelli” della biblioteca; a Genova fanno casino contro una riunione delle destre europee. Evidentemente, per gli antagonisti va tutto bene e non ci sono cause più importanti per fare casino.
Negli Usa Obama espelleva 400.000 immigrati ogni anno e per gli antagonisti americani andava benissimo. Sono le espulsioni di Trump che non accettano.

Postato in Uncategorized | Commenti disabilitati su Antagonismo idiota by William Wallace

Spie e venditori d’armi di regime by Guy Fawkes

Prima vengono trovati due spioni che intercettavano mezza Italia, e nessuno si chiede per quale Stato lavoravano. E’ difficile credere che intercettassero per curiosità.
Comunque la notizia sparisce dai media. Come è sparita quella di Obama che intercettava tutti i leaders europei.
Poi vengono trovati due coniugi napoletani che vendevano armi a chiunque, e nessuno si chiede chi le vendeva a loro e dove erano i controlli di Stato. E’ difficile credere che i due fabbricassero elicotteri in casa, oppure chi li vendeva loro potesse farlo senza che un’autorità statale lo sapesse.

Postato in Uncategorized | Commenti disabilitati su Spie e venditori d’armi di regime by Guy Fawkes

Le statistiche che dovremmo usare by William Wallace

Invece di usare le statistiche per previsioni che non si avverano mai, potremmo usarle per l’equità sociale e politica, legando i privilegi dei politici e dei mega-dirigenti ai risultati che sono capaci di far ottenere al Paese.

1. Se vota solo il 60% degli elettori attribuiremo solo il 60% dei seggi in Parlamento o nei Consigli regionali e comunali.
2. Lo stipendio medio italiano è al 23° posto in Europa. I parlamentari prenderanno un euro in meno di quelli del Paese europeo che sta al 22° posto.
3. Lo spread aumenta dell’x per cento? Della stessa percentuale diminuiscano gli stipendi del governo.
4. Quando il numero degli occupati scende o gli infortuni sul lavoro salgono, lo stipendio del ministro e dei dirigenti del Ministero competente sarà decurtato in proporzione.
5. I bilanci delle aziende pubbliche devono sempre chiudere in nero. Gli stipendi dei boss e dirigenti devono essere decurtati della stessa percentuale del rosso.
6. Un territorio presenta un numero di catastrofi maggiore della media? Gli emolumenti di tutte le autorità locali diminuiscono.
7. Costi e benefici di una ASL devono stare attorno alla media nazionale: gli scostamenti in meglio producono benefits a tutti gli operatori e i dirigenti; gli scostamenti in peggio si traducono in riduzioni degli stipendi e delle prebende di tutti.

Naturalmente, se i dati statistici degli indicatori scelti migliorano, anche gli emolumenti e i privilegi possono aumentare.

Postato in Uncategorized | Commenti disabilitati su Le statistiche che dovremmo usare by William Wallace

Il liberale Canada? By Guy Fawkes

Quelli che inneggiano al liberale Canada dovrebbero vedersi almeno una puntata di “Airport security” che va in onda sulle Reti minori (8 o 9 o Dmax). Si capisce che gli ispiratori dei doganieri e delle leggi doganali di Canada, Australia, Nuova Zelanda sono degli ex SS.

Postato in Uncategorized | Commenti disabilitati su Il liberale Canada? By Guy Fawkes

Attento, Trump by Guy Fawkes

Trump farà bene a stare attentissimo. Non è raro negli Usa risolvere I conflitti con l’omicidio  politico.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Postato in Uncategorized | Commenti disabilitati su Attento, Trump by Guy Fawkes